mercoledì 27 novembre 2013

Le Città Invisibili - Work In Progress

Oggi vi regaliamo qualche tavola in anteprima di una nuova serie Villain che lanceremo in primavera: Le Città Invisibili.
Matite e chine di Andrea Olimpieri. Niente male il ragazzo, vero?








giovedì 21 novembre 2013

Game Over: Contenuti speciali.

Noi Villani abbiamo deciso di mostrarvi il dietro le quinte dei nostri prodotti, aprendo il sipario sul lavoro che precede la realizzazione di un albo. Questa volta è il turno di Game Over. E allora cominciamo a chiederci: da dove viene l'idea di Pindaros, un videogioco maledetto, che nessuno è mai riuscito a finire?
Lo spunto è facilmente riconoscibile: chi scrive è un grande appassionato di Lovecraft, il creatore del Necronomicon, un immaginario testo di magia nera scritto dall'arabo folle Abdul Alhazred.
Ad ispirare Lovecraft fu Il re in giallo di Robert Chambers, il libro che porta alla follia, protagonista dell'omonima raccolta di racconti. I due scrittori si erano a loro volta rifatti a testi di magia nera redatti dopo tra il tredicesimo e il quattordicesimo secolo, la Chiave di Salomone e il Picatrix.

Il Necronomicon, nella versione del film L'armata delle tenebre

L'idea del libro maledetto rappresenta dunque un topos letterario, quasi un genere a sè stante: questo è un bene, perché permette di costruire con facilità una storia, ma anche un male, perché si tratta di camminare su di una strada già battuta da altri.
Per questo siamo ricorsi ad un vecchio trucco narrativo, che potremmo definire come una sorta di ristrutturazione delle idee.
Prendete la puntata pilota di Battlestar Galattica: il capitano Adamo si ritrova al comando dell'unica nave militare sopravvissuta allo sterminio delle Dodici Colonie, e la deve traghettare verso un leggendario pianeta, conosciuto come la Terra, dove la razza umana avrebbe avuto origine. Il riferimento al Vecchio Testamento non poteva essere più evidente: Adamo deve guidare il suo popolo nello spazio, il luogo per definizione più simile al deserto, alla ricerca della terra promessa.

Il galactica alla ricerca della sua Israele

Per questo, abbiamo cercato di camuffare lo spunto iniziale, cercando piste meno battute. Siamo partiti da una riflessione: ad oggi i libri non hanno più l'esclusiva di determinare il nostro immaginario, per cui abbiamo cercato di rivolgere la nostra attenzione ad altri prodotti di intrattenimento. 
Forse sarebbe stato più facile provare con un film maledetto, ma anche lì qualcuno era arrivato prima di noi. Nello specifico, possiamo citare il maestro John Carpenter, con il suo Bruciature di sigarette, l'ottavo episodio della prima stagione di Masters of Horror.

Il trailer di bruciatura di sigaretta, in inglese

 Di recente, l'industria dei videogiochi ha superato per incassi quella del cinema, per cui il nostro immaginario è ad oggi definito soprattutto da quello a cui giochiamo. In questo modo ci è venuto piuttosto naturale ristrutturare la nostra idea iniziale trasformandola in un videogioco maledetto. La rete si è dimostrata un prezioso alleato, fornendo linfa al nostro spunto: esiste infatti una leggenda urbana legata ad un fantomatico cabinato, Polybius, a cui non potevamo non fare riferimento. Il nome del nostro videogioco maledetto, Pindaros, è un chiaro omaggio a questa suggestione.

Polybius citato in una puntata dei Simpsons

Il resto è venuto da sé. Una volta identificato lo spunto, siamo partiti, forti del fatto che potevamo contare anche sulle molteplici suggestioni offerte dal mondo dei videogame. L'ambientazione futuristica ci è sembrata una scelta naturale, proprio per poter amplificare questa possibilità e nel contempo camuffare il più possibile lo spunto iniziale.  
Nel prossimo contenuto speciale, ci soffermeremo sulla parte grafica. 
Grazie per l'attenzione e mi raccomando, giocate sempre al meglio delle vostre possibilità, e forse un giorno avrete l'occasione di confrontarvi con Pindaros...

Giulio A.Gualtieri


















mercoledì 20 novembre 2013

Luoghi e suggestioni di Siouxie Fox #1

Nel corso degli anni, Mamma Roma mi ha suggerito diverse storie. Siouxie Fox è la prima che ho deciso di scrivere.

Re Di Roma:
Anni fa, vendevo vino e tartufati in giro per le fiere. Sotto un Natale dei primi anni 2000, mentre lavoravo a Re Di Roma, innalzarono un orribile monumento di lamiere al centro della piazza. È una delle cose più brutte che abbia mai adornato Roma. Dopo pochi mesi era pieno di scritte e dopo pochi anni il comune ha avuto il buon gusto di rimuoverlo. Credo che quel monumento sia stato una suggestione solo per me e qualche piccione, ed è il motivo per cui nelle primissime pagine di Siouxie, al centro della piazza, c'è una statua che sancisce il patto stretto tra i vivi e i morti che abitano a Caput Mundi.

L'orribile monumento che per fortuna non c'è più.

Uno scorcio del monumento disegnato da Valentina Zeppa.

Via Del Mandrione:
A mio modesto parere, il Mandrione e la Casilina Vecchia sono tra i più bei luoghi della capitale. Mentre frequentavo la Scuola Internazionale di Comics, un mio carissimo amico, il “crucco”, abitava da quelle parti. Abbiamo passato nottate intere a disegnare ed è il posto dove ho deciso che sarei diventato fumettista. La casa aveva un'enorme terrazza, che copriva tutta la parte superiore dell'abitazione. Durante l'estate, spesso il crucco organizzava cene e feste lassù. Nella casa accanto, abitavano solo transessuali. Ogni tanto, dalle finestre spuntava qualche trans nudo che ci chiedeva se poteva partecipare ai nostri festeggiamenti. Abbiamo sempre declinato, ma alcune di quelle conversazioni sono rimaste scolpite nella memoria. Quel posto non era un bordello, era solo un luogo dove una minoranza poteva sentirsi al sicuro, lontano da tutti i commenti e gli sguardi che un qualsiasi trans può ricevere in giro per Caput Mundi. Spesso, lì davanti, c'erano BMV e Mercedes parcheggiate. Mai visto così tante facce imbarazzate di borghesi in attesa delle loro concubine. Ovviamente, è sul Mandrione che Roma mi ha regalato i primissimi imput per scrivere Siouxie Fox.

Un'interessante panoramica del Mandrione.

La vita del Mandrione nella Roma di Siouxie Fox.

San Giovanni:
Come qualsiasi romano, sono spesso rimasto bloccato nel traffico a San Giovanni.

Il traffico e San Giovanni: Una lunga storia d'amore.

Nel futuro, per evitare il traffico, 
c'è chi si può permettere di comprare dei reattori
anti gravitazionali THX-1138.

Via Merulana e Santa Maria Maggiore:
Per me, via Merulana è sempre stato un luogo di passaggio, ci sono un paio di negozi di belle arti e ogni tanto vado lì a fare compere. Dentro Santa Maria Maggiore, invece, una volta mi sono confessato. Non sono Cattolico, era un periodo parecchio turbolento della mia vita, uno di quelli nei quali puoi facilmente cascare in un raptus mistico di qualsiasi tipo. Stavo visitando la Basilica e improvvisamente ho deciso che volevo sapere cosa si provava durante una confessione. Finito tutto, il prete voleva battezzarmi. Secondo lui era assolutamente necessario. Non prese bene il mio rifiuto. Ora ci rido, ma all'epoca fu un bruttissimo momento. Soffrivo di attacchi di panico e l'ultima cosa che poteva farmi bene era un prete che sosteneva il mio essere una pecorella smarrita preda del Diavolo! Non sono mai più entrato lì dentro. Non è stata una cosa voluta, ma non è un caso che Siouxie catturi il primo fantasma nelle vicinanze di quella Basilica.

Un brutto momento della mia vita: 
Il confessionale di Santa Maria Maggiore.

Caccia ai fantasmi su Via Merulana.


Nel prossimo numero di Siouxie: l'Appia Nuova, le catacombe, la porta alchemica di Piazza Vittorio e un barcone sul lungotevere!

Bruno Letizia.


lunedì 11 novembre 2013

Perduto su Verticalismi


Oggi una nostra storia breve, scritta da Michele Monteleone, disegnata da Paolo Villanelli e inchiostrata da D'Amico appare su Verticalismi QUI. Se non conoscete ancora il sito che ospita decine di favolosi Webcomic, vi invitiamo a cliccare su questo comodo LINK e farvi un bel giro.

E se avete degli splendenti Mela-device, Verticalismi funziona perfettamente anche lì.
Speriamo vivamente che questa sia solo la prima di una lunga serie di collaborazioni fra noi Villani e i... Verticali?

Come al solito: keep it cool, keep it Villain!



mercoledì 30 ottobre 2013

Anteprima - Nerd Uniti! #2 & 3

Amici Nerd e amici Villain, la Villain è lieta di annunciare l'ultima delle novità che presenteremo in anteprima al Lucca Comics di quest'anno... ebbene sì, Thwip e Fat-Nerd sono pronti per colpire ancora!

Allo stand Villain - padiglione Napoleone, stand E123 - non troverete solamente il secondo numero di Nerd Uniti!, ma anche il terzo!

La cover di NU! #3, realizzata da Carlo Alberto Fiaschi e Walter Baiamonte.

Entrambi gli albi sono realizzati del medesimo team creativo del primo numero - vincitore del Leone di Narnia 2013 come miglior autoproduzione -  Roberto Cirincione e Michele Monteleone alla sceneggiatura, Carlo Alberto Fiaschi ai disegni e Walter Baiamonte ai colori , e contengono ciascuno un episodio speciale dalla lunghezza di 36 pagine.

Garibaldi torna in pista!

Dopo la scorsa Napoli, infatti, vi volevamo stupire con una doppia uscita e dare maggior respiro alle avventure di Fat, Thwip, John e Sara, per celebrare il ritorno di questa testata.

Ci siamo davvero spesi per farvi avere la migliore storia possibile, i migliori disegni e colori (e in questo ringraziamo Carlo e Walter, che hanno avuto una crescita esponenziale nel corso dell'anno), e abbiamo dato fondo alle nostre energie, arrivando perfino al punto di attentare alle nostre stesse vite, pur di completare e far crescere il prodotto. Scherziamo, eh...!

Una tavola "action", tratta da NU! #3

Quello che vi assicuriamo, invece, è che di risate con Nerd Uniti! ve ne farete parecchie!

Scene di vita Nerd - il realismo del quotidiano, prima di tutto.

Nel secondo numero abbiamo lasciato a briglia sciolta le nerderie, nel terzo vedrete la trama evolvere, un po' di tasselli mettersi al loro posto (o quasi) e soprattutto vedrete Fat e Thwip maturare e mollare quelle loro ridicole passioni tardoadolescenziali per fumetti e... ahahahahah.
Scusate non ce la facevamo a continuare con questa storia della serietà e della maturità.

I dilemmi morali non smettono di tormentare un sempre più eroico Fat-Nerd

Nerd Uniti! è più grande, più colorato e più folle di prima, noi e i nostri personaggi non siamo cambiati di una virgola, e chi non prende tutti e due i nuovi numeri di Nerd Uniti! è tipo amico di Goyer e gli è piaciuto il film di Catwoman!


L'introspezione dei personaggi è il cuore delle nuove avventure di NU!

E' tutto, vi aspettiamo dalla giornata di domani allo stand Villain (padiglione Napoleone, stand E123), con Nerd Uniti! #2 & 3, e un mucchio di altre novità targate Villain Comics!
La splendida cover di NU! #2, realizzata da Werther Dell'Edera e Stefano Simeone

Nerd Uniti! #2 & 3
Storia: Roberto Cirincione & Michele Monteleone
Disegni: Carlo Alberto Fiaschi
Colori: Walter Baiamonte
Cover: Werther Dell'Edera & Stefano Simeone; Carlo Alberto Fiaschi & Walter Baimonte
Lettering: Carlo Alberto Fiaschi
Progetto grafico: Fabio Listrani


martedì 29 ottobre 2013

First Bites #2 e #3

Con un piede già a Lucca, vi regaliamo gli ultimi due episodi di questa prima tornata di First Bites, tutti in un colpo solo!
In Truck in the Woods Stefano Marsiglia ci racconta un gruppo di nerd alle prese con l'arrivo degli zombie, per i disegni di Roberta Ingranata!

Mentre in Perduto Michele Monteleone immagina un viaggio piuttosto spettacolare, disegnato dal duo Villanelli/D'Amico!
Per ora è tutto, chiudiamo la valigia e partiamo per Lucca dove oltre a Il Regno dei Morti #3 troverete tante altre novità.
Stay Alive, Stay Villain.


mercoledì 23 ottobre 2013

First Bites #1 - Dead Jaws

Come vi abbiamo detto fino allo sfinimento, con il numero 3 ormai prossimo all'uscita chiuderà il primo arco narrativo de Il Regno dei Morti. Siccome è la prima serie che riusciamo a portare a compimento e siccome sotto sotto noi Villain siamo dei sentimentali, abbiamo deciso di festeggiare inaugurando una nuova miniserie dal titolo abbastanza eloquente, First Bites.
La serie sarà pubblicata esclusivamente online (per ora), con cadenza irregolare (per ora) e raccoglierà storie brevi autoconclusive (per ora), ambientate all'inizio della catastrofe di cui vediamo gli effetti nella serie regolare de Il Regno dei Morti.
Cominciamo con "Dead Jaws" scritta da Stefano Marsiglia e disegnata e colorata dal disegnatore Villain della primissima, Marco Di Gloria, autore anche de L'Anna Kournikova.
Enjoy!